lunedì 16 luglio 2012

RITAGLIARSI UNO SPAZIO

Questa è l'accusa che Fioroni fa agli altri, quando è da una vita che la sua cifra stilistica politica è il ritagliarsi spazio sulla stampa. 
Io voglio combattere con ogni forza un asse straordinario tra le polemiche costruite dalla destra, e certe critiche ideologiche a sinistra. È gente che per qualche pagina di giornale in più è disposta a strumentalizzare una questione che l'altro giorno l'assemblea del partito ha chiuso, definitivamente (Giuseppe Fioroni, oggi, su La Stampa)
E sento forte l'esigenza di una nuova generazione di cattolici riformisti e progressisti, che si impegnino, che rispettino le posizioni degli altri, che mettano al primo posto la testimonianza e non l'obbligo legislativo, che rimettano al centro il bene comune, non solo quello delle nostre comunità. 
Ci sto ragionando su molto e molto sto leggendo, perché alcune posizioni devono avere anche una base teologica, non si improvvisano. Questa settimana avremo modo di discuterne ancora, qui sul blog. Giovedì si votano le unioni civili in Consiglio di Zona. Spero di fare un intervento all'altezza.